0 In recensione romanzo/ Recensione Romanzo Fantascienza/ Recensioni Libri/ Star Trek

Star Trek – Il Fantasma – Recensione Libro

Recensione Libro: Star Trek – Il Fantasma
Autore: William Shatner
Genere: Fantascienza/ Saga Di Star Trek Serie Classica
Anno: 1998

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Oggi dopo tantissimo tempo torniamo a parlare di libri e in particolare dei libri di Shatner! Ho infatti terminato Star Trek – Il Fantasma, primo libro della seconda trilogia dedicata alla serie classica. Inutile dire che anche questo romanzo mi è piaciuto tantissimo, una storia riflessiva come solo Star Trek sa fare.

Kirk ha deciso di mettere fine ai giorni dello spazio e vive con la sua amata Teilani su Chal. Tuttavia la vita contemplativa non fa per lui e anche la sua innamorata se ne rende conto. Spinto da Teilani, quindi, riprende a partecipare ad alcune riunioni e della flotta pur non essendo più in servizio. Nel frattempo il capitano Picard è a bordo dell’Enterprise e si annoia tremendamente visto che gli è stata affidata una missione che ha ben poco a che fare con l’azione a cui è abituato. Quando però una nave stellare dispersa da decenni torna da un passato lontano ecco che si preannuncia una nuova avventura. Ma come mai la nave è tornata proprio ora? E cosa c’entra Kirk?

Ricco di azione, avventura e imprevisti Star Trek – Il Fantasma riprende una delle parti lasciate in sospeso dalla serie classica: l’universo dello specchio. Scopriamo quindi qual’è stato il suo destino e cosa è successo dopo la partenza di Kirk e del suo equipaggio. E, beh, è inutile dire che le cose non sono andate proprio come Kirk sperava. La situazione è, se possibile, persino peggiorata ed ecco che Kirk è costretto ad incontrare dei fantasmi del passato che neppure sapeva di avere e che adesso minacciano la pace di ben due universi. Due mondi opposti che però ora sono collegati da sottili intrighi politici e dove in ‘nostro’ universo si ritrova nel mezzo di una guerra senza quartiere.

Tuttavia non è questa la parte peggiore. Eh no, perché non basta scoprire che il proprio universo è al centro di una battaglia che non gli appartiene, non bastano i rapimenti e una lunga serie di cattivi ci vuole di più, ci vuole il dramma umano ed esistenziale. E così Kirk si ritrova a dover fare i conti con sé stesso e con il fatto che pur volendo fare del bene anche questa volta ha sbagliato. Un errore ovviamente non voluto ma di cui molti, silenziosamente ma palesemente, lo incolpano. Tra questi molti, ovviamente, non ci sono gli amici di sempre. Questo però non toglie che anche loro avranno un bel po’ di problemi a causa di questa storia e principalmente dovranno fare ci conti con le scelte che non hanno fatto e che con le vite che non hanno vissuto.

Il tema principale del libro infatti è proprio quello dell’esplorazione delle possibilità. Chi segue Star Trek sa che il nostro trio di amici ha fatto scelte precise di cui nel corso delle varie avventure non si è mai veramente pentito. Però qui è diverso perché ora si ritrovano a fare i conti con i ‘loro stessi’ dello specchio. In un certo senso possono guardare in faccia chi avrebbero potuto essere se le condizioni fossero state diverse, se avessero rivisto le loro priorità… se, se,se. Tutto questo ovviamente nel bene e nel male. Mentre combattono per riportare la pace nell’universo, quindi, dovranno fare i conti con la loro coscienza e capire se effettivamente sono contenti della vita che hanno fatto.

C’è poi però una seconda tematica, se possibile persino più interessante della precedente, che si sviluppa tramite la raffigurazione del doppio. Sotto questo punto di vista è determinante il dialogo di Picard con il suo ‘doppio’ malvagio dello specchio. In questo lungo dialogo infatti è evidente la verità: non c’è un doppio buono o uno cattivo. Picard è sempre Picard. E’ se stesso, è sempre lui. Una realtà inquietante alla quale non si può sfuggire. Nel nostro universo, infatti, Picard è diventato un capitano di nave stellare, è una brava persona ma in un contesto diverso – come quello dello specchio – lui sarebbe stato un Picard malvagio o comunque diverso. In sostanza Picard dello specchio non è una nemesi e questo il nostri Picard non lo può ignorare. Anche lui, per quanto non voglia ammetterlo, ha il suo lato oscuro. O l’avrebbe avuto, che è la stessa cosa.

Tutto questo lato filosofico però non deve trarre in inganno. Star Trek – il Fantasma è un romanzo adrenalinico, ricco di azione… e forse proprio per questo mi è piaciuto un pochino meno. Con un pochino intendo che da uno a dieci gli do nove e mezzo eh, sia chiaro. E poi si tratta, in questo caso, di semplice gusto personale. Sono per natura più portata alla riflessione e quindi avrei preferito che il lato riflessivo fosse più accentuato come nei libri precedenti. Tuttavia mancano ancora due romanzi quindi direi che il tempo per sviscerare il tutto – anche le questioni lasciate volutamente in sospeso – non manca.

Forse l’unica cosa che veramente mi ha lasciata perplessa è la relazione tra Kirk e Teilani che per quanto emozionante non mi sembra molto sana da parte di lui. In un certo senso è come se fosse dipendente da Teilani il che se da una parte ci può stare – Kirk è esagerato in tutto quello che fa e anche nel modo di amare – dall’altro in alcuni momenti il loro rapporto sembra poco naturale. Diciamo che la dinamica non è poi così chiara, spero che venga spiegata meglio nei prossimi libri.

In sostanza Star Trek – Il Fantasma è un libro imperdibile per gli appassionati, per gli amanti dell’azione ma anche per chi come me preferisce un lato più riflessivo. Sicuramente un’altra super avventura, un ottimo inizio per una trilogia che si lega a quella precedente!

Bene, anche questa recensione è finita e io sono curiosissima di sapere cosa ne pensate voi! Avete letto Star Trek – Il Fantasma? Siete fan della serie? Fatemelo sapere nei commenti! Come sempre vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole.

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento

© 2020 - 2021 Da Un Universo All'Altro. Tutti I Diritti Riservati. I contenuti presenti sul blog daununiversoallaltro.it - dei quali è autrice la proprietaria del blog - non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autrice.