0 In Recensione Film D'Animazione/ Recensioni Film

A Spasso Con Willy – Recensione Film D’Animazione

Recensione Film: A Spasso Con Willy
Regia: Éric Tosti
Genere: Animazione
Anno: 2019

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Oggi dopo tantissimo tempo torniamo a parlare di film d’animazione con A Spasso Con Willy, cartone animato dedicato ai più piccoli che mi è piaciuto veramente tanto. Coloratissimo, con un design degno dei grandi studi d’animazione ha saputo conquistarmi con la bella storia d’amicizia nonostante un doppiaggio veramente pessimo.

Willy è un in viaggio di ritorno da una missione spaziale con i suoi genitori quando a causa di un incidente si ritrova sperso su un pianeta sconosciuto. La sua sola guida è Buck, un buffo ma efficentissimo robottino che ha l’incarico di proteggerlo fin quando una missione di soccorso non li troverà. I soccorsi però non arrivano nei tempi previsti dal bimbo che quindi comincia ad esplorare il pianeta insieme a Buck nella speranza di costruire un riparo. Il suo spirito avventuroso e curioso gli viene in aiuto mentre esplora un pianeta incredibile e fa amicizia con un buffo animaletto che ribattezza Flash.

Nonostante l’inizio un pochino lento il film ad un certo punto prende veramente una piega pazzesca. Pur essendo un’avventura molto semplice e lineare palesemente dedicata ai più piccoli non solo intrattiene ma ci fa strada in un mondo bellissimo, un sogno ad occhi aperti ricco di una fantasia finalmente nuova e straripante. Nello stesso tempo è un viaggio interessante dove ogni volta che i protagonisti stanno per trovare un equilibrio qualcosa va storto.

A questo proposito bisogna dire che sono un trio eccezionale che funziona e in un certo senso si equilibra. Il rapporto tra i tre infatti va a smussare i lati più spigolosi del carattere di ognuno a partire da Buck che è un robot e quindi ha molto da imparare sulle relazioni. Sotto questo punto di vista ammetto di averci visto molto di Startrekkiano, così come ho visto altre caratteristiche come il voler esplorare nuovi orizzonti. Il pianeta, invece, pullula di creature particolari che sembrano uscite direttamente da un libro di Walter Moers. Io amo Star Trek e Walter Moers quindi accoppiata promossa!

Ci sono poi molti altri temi che secondo me è giusto menzionare: la separazione, la necessità di adattarsi ad una nuova realtà, il dover accettare che ciò che più desideriamo potrebbe non avvenire nei tempi che vorremmo. Ovviamente il film è molto leggero e tutti questi argomenti sono solo accennati ma ciò non toglie che siano parte integrante della storia. Tra tutti però spiccano quelli dell’amicizia e del rispetto dell’ambiente. Il primo, completo di finale commovente, viene trattato in modo un po’ diverso dal solito. Non ci sarà il lieto fine come lo vorremmo e del resto non sarebbe stato possibile.

La parte dedicata all’ambiente invece è molto istruttiva senza fare l’effetto lezioncina che spesso si trova nei film d’animazione. Buck e Willy infatti cercano di pesare il meno possibile sulla struttura del pianeta. Non prendono mai più di quanto serva, se fanno qualche errore lo riparano. Insomma non vogliono che il loro arrivo turbi l’armonia naturale del posto. E’ una cosa che ho apprezzato anche perché rispettare la natura è una cosa che i personaggi fanno con naturalezza. Anche se non conosciamo la società di terrestre di questo futuro quindi è facile intuire alcuni degli ideali di base. Un’ottima scelta, visto che anche per motivi di tempo, la Terra del futuro è una cosa che non si vede nel film.

E adesso arriviamo alle noti dolenti! Questa volta non si tratta di pecche interne al film ma bensì del doppiaggio italiano. Solitamente noi italiani siamo molto bravi nel doppiaggio ed è un peccato che su un film così bello sia stato fatto un lavoro tanto mediocre. L’espressività è pari allo zero, le voci non sono azzeccate e questo purtroppo toglie una grossa parte di emotività alla vicenda. Un vero peccato e anche un’occasione sprecata visto che è uno dei pochi film d’animazione non americani o giapponesi che sono arrivati in Italia.

In ogni caso però secondo me merita e soprattutto ai più piccoli piacerà moltissimo! I personaggi simpaticissimi, il mondo super colorato ne fanno una bella storia d’amicizia, avventura e atmosfera. Una vicenda carinissima e coloratissima con un finale che commuove. Uh, e non dimenticate di vedere fino alla fine i titoli di coda! Una continuo della storia si vede tramite le foto che scorrono lungo i titoli e l’ultima immagine è veramente toccante!

Bene, anche questa recensione è finita e io sono curiosissima di sapere cosa ne pensate voi. Avete visto A Spasso Con Willy? Lo vedrete? Fatemelo sapere nei commenti! Come sempre vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole.

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento