Crea sito
0 In Recensione Film D'Animazione

Lilo E Stitch – Recensione Film D’Animazione

Recensione Film D’Animazione: Lilo e Stitch
Regia: Chris Sanders, Dean DeBlois
Genere: Animazione
Anno: 2002

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Oggi, finalmente torniamo a parlare di uno dei miei generi preferiti: l’animazione! Sono una vera fan dei cartoni animati, perché sono in grado di trasmettere emozioni diverse rispetto ai film e mettono in scena personaggi che sono in grado di incarnare ideali universali. Lilo e Stitch è sicuramente un perfetto rappresentante di tutto ciò. Con la sua trama differente mi ha davvero conquistata ed è entrato nella lista dei film d’animazione che preferisco!

La nostra storia comincia su un’astronave dove si sta svolgendo il processo di uno scienziato che ha creato un animaletto geneticamente modificato. Il piccolo esperimento viene considerato una minaccia e deve essere spedito nello spazio dove non potrà fare danni. La creaturina riesce però a fuggire e atterra per caso nelle isole Hawaii. Qui a nostra attenzione si sposta su Lilo, una bambina intelligente che reagisce in modo aggressivo alle prese in giro delle compagne di scuola. Lilo vive con la sorella maggiore che, dopo la morte dei loro genitori, sta facendo del suo meglio per non farle mancare nulla. L’assistente sociale che li segue non rimane, tuttavia, contento della situazione e le dà tre giorni di tempo per ribaltare il tutto. Sarà proprio durante questi tre giorni che Lilo conoscerà la piccola creatura e, deciderà di portarla a casa con sé dove noterà il suo comportamento distruttivo.

Ambientato tra le calde spiagge delle Hawaii, questo film ripone la sua forza nei suoi protagonisti dove la piccola Lilo ha ben chiara l’idea di Ohana, il concetto Hawaiano della parola famiglia. Sensibile, dolce, molto comprensiva è l’unica persona che crede in Stitch che sentendosi amato per la prima volta nella sua vita si rivela capace di gesti coraggiosi nel momento in cui deve salvare Lilo e l’unione della sua nuova famiglia. In questo modo la piccola creatura intraprende un percorso per comprendere sé stessa dimostrando che la diversità non deve essere vista come un problema o una fonte di imbarazzo.

E’ anche interessante notare il percorso di Lilo. Nel momento in cui si rende conto che il suo amico ha bisogno di aiuto rivelerà tutta la sua dolcezza e la sua naturale propensione ad aiutare il prossimo.

Un’altra parte importante sono gli altri protagonisti. Si, perché ogni personaggio ha la sua evoluzione tanto che è difficile definirli “secondari”. La sorella di Lilo, infatti, è un personaggio importantissimo, estremamente positivo ed è disposta a fare qualsiasi cosa per dare il meglio alla sorellina.

Persino i “villain” non riescono a rimanere fermi sulle loro posizioni e cambiano il loro punto di vista che effettivamente non era mai stato del tutto “cattivo”.

Una storia che abbandona l’idea del villain per far riflettere sull’influenza che le esperienze possono avere su ognuno di noi. Un film sulla famiglia indirizzato alle famiglie e a chiunque si senta diverso, insicuro o inadeguato.

Ok, io ho espresso la mia opinione, ora sono curiosissima di sapere la vostra! Conoscevate questo film? Se si, vi è piaciuto? Vi è mai capitato di sentirvi diversi o insicuri? Aspetto i vostri commenti e intanto vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole.

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.