Crea sito
2 In Altri Argomenti/ Festività/ Natale

Leggende Di Natale Bellissime

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Oggi per la terzultima tappa della settimana Natalosa parliamo delle leggende di Natale! Vi siete mai chiesti cosa ci sia dietro alle nostre tradizioni Natalizie? C’è chi dice che sono solo frutto del consumismo ma nella realtà ogni usanza, ogni oggetto tradizionale nasconde una storia particolare che negli anni è stata un po’ dimenticata. Ecco quindi dieci leggende super carine sulla festività più attesa dell’anno.

1: La Leggenda Della Stella Di Natale

La stella di Natale è una pianta che ogni anno entra nelle nostre case ed è diventata un vero e proprio simbolo del Natale ma forse non tutti conoscono la storia a cui che ha dato inizio alla tradizione. Si racconta che tantissimo tempo fa un bambino molto piccolo decise di portare un regalo a Gesù per il 25 Dicembre. Siccome era povero raccolse qualche ramoscello e lo portò in una chiesa ma una volta entrato si mise a piangere perché pensava che il suo regalo fosse misero. Una delle lacrime però cadde sul ramoscello che si trasformò in un bellissimo fiore dai petali rossi. Fu così che nacque la stella di Natale che ancora oggi decora le nostre case nel periodo natalizio.

2: La Leggenda Delle Palline Di Natale

La leggenda delle palline di Natale risale alla nascita di Gesù. Si racconta che qualche giorno dopo la sua nascita un artista di strada si trovava a Betlemme e seppe del grande evento. Siccome era povero non sapeva se andare alla grotta dato che non avrebbe potuto portare nessun regalo ma poi si decise e arrivato alla grotta gli venne un’idea: prese delle semplici palline e cominciò a fare il giocoliere! Gesù bambino rise e si divertì molto, così per ricordarci di quelle risate appendiamo palline colorate all’albero di Natale.

3: La Leggenda Del Vischio

La leggenda del vischio è probabilmente una delle più belle leggende di Natale. Racconta la storia di un vecchio e avido mercante che non voleva bene a nessuno. Una sera non riuscendo a dormire uscì a fare una passeggiata e vide una processione. Un uomo gli chiese se voleva unirsi a loro chiamandolo fratello. Il mercante non aveva fratelli e aveva sempre pensato solo a sé stesso quindi non si sentiva degno di far parte di quel gruppo però seguì comunque la processione fino alla grotta di Betlemme. Una volta arrivato si rese conto che tutte le persone avevano portato dei doni mentre lui non aveva nulla da regalare a Gesù. Quando fu il suo turno di entrare nella grotta quindi si inginocchiò e chiese perdono per come aveva trattato le persone nel corso della sua vita. Poi pianse per molto tempo e quando sorse il sole le sue lacrime brillarono tra due foglioline. Fu così che nacque il vischio.

4: La Leggenda Di Rudolph Dal Naso Rosso

Io faccio parte di quella generazione che è cresciuta con il cartone animato dedicato a questo personaggio quindi non potevo non inserire questa leggenda. Uno dei personaggi molto amati dai bambini è infatti Rudolph, una renna di Babbo Natale che veniva derisa dal suo gruppo a causa di uno scintillante naso rosso. Tuttavia durante un Natale particolarmente burrascoso il suo naso fu di grande aiuto a Babbo Natale che poté consegnare lo stesso i regali. Da quel giorno ogni anno Rudolph viaggia con Babbo Natale a capo della slitta così da poter illuminare la strada in caso di necessità.

5: La Leggenda Del Pettirosso

Lo sapevate che il colore del pettirosso si deve proprio alla notte di Natale? Secondo la leggenda nella grotta dove riposavano Gesù e la sua famiglia vi era anche un piccolo uccellino. Durante la nottata notò che il fuco che riscaldava il bambino stava per spegnersi e passò tutta la notte a sbattere le ali per limentarlo. La mattina dopo il piccolo uccellino fu premiato con un petto rosso brillante come ringraziamento per l’affetto dimostrato verso Gesù bambino.

6: La Leggenda Delle Ghirlande

Le ghirlande sono una decorazione irrinunciabile a Natale, ma da dove nasce questa tradizione? Ebbene si racconta che una vigilia di Natale Gesù andò a benedire gli alberi di Natale e notò che uno di essi era pieno di ragnatele. Quando lo benedisse però l’albero trasformò le ragnatele in Ghirlande d’oro e d’argento e da qui nacque la tradizione di appendere ghirlande in casa o sulla porta durante le festività natalizie.

7: Le Origini Di Babbo Natale

Non tutti sanno che la figura di Babbo Natale affonda le sue radici nella storia di San Nicola, un vescovo cristiano che faceva molta beneficenza e si dice che avesse dato una dote alle tre figlie di un uomo molto povero perché potessero sposarsi. Si dice anche che abbia riportato in vita tre bambini che erano stati uccisi da un’oste. Naturalmente la sua figura è mutata nel corso dei decenni fino ad arrivare a quella attuale dell’anziano signore che porta i doni ai bambini la notte di Natale.

8: La Leggenda Delle Campane Natalizie

Si racconta che la notte in cui nacque Gesù un anziano bambino non vedente voleva essere accompagnato alla capanna ma nessuno volle aiutarlo. Quando la processione finì il piccolo sentì in lontananza una campanella di una mucca e si domandò se non potesse essere nella capanna di Gesù. Cominciò quindi a seguire il suono della campanella e quando arrivò la mucca lo guidò fino alla mangiatoia dove riposava Gesù.

9: La Leggenda Del Bastoncino Di Zucchero

Il bastoncino di zucchero è un tipico dolce di Natale ma da dove arriva? La leggenda racconta che venne creato da un dolciario che voleva fare un dolce che ricordasse Gesù. Così lo usò il caramello perché ricordasse la solidità del ruolo di Gesù nella vita delle persone, gli diede una forma che ricorda quella di una j (Jesus) oppure di un bastone da pastore visto che Gesù viene anche così. I colori bianco e rosso rappresentano rispettivamente la purezza di Gesù e il sangue versato sulla croce. Per quanto riguarda il gusto fu scelta la menta visto che nell’antico testamento veniva utilizzata per purificare e santificare.

10: La Leggenda Dell’Albero Di Natale

Le leggende che ruotano attorno all’albero di Natale sono tantissime: una racconta che nella realtà sia la rappresentazione dell’albero della vita, che avvizzì quando venne colto il frutto e non fiorì più fino alla nascita di Gesù. Un’altra leggenda narra che Adamo portò con se un ramo dell’albero del giardino dell’eden e che questo divenne l’abete che fu utilizzato per costruire la Croce di Gesù. Se ti va puoi approfondire il significato dell’albero di Natale qui.

Come avrete notato la maggior parte delle leggende di Natale è legata all’ambito religioso e ha quasi sempre a che fare con la nascita di Gesù. Una cosa che naturalmente mi aspettavo ma non su così larga scala. Personalmente la trovo una cosa interessante perché solitamente le leggende arrivano dal paganesimo o da credi popolari dei singoli luoghi e invece ecco anche anche la religione cristiana rivela di avere le sue leggende.

Bene, anche questo post dedicato alle leggende di Natale è finito e io sono curiosissima di sapere cosa ne pensate voi! Conoscevate queste leggende? Ne conoscete altre? Fatemelo sapere nei commenti! Come sempre vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole e non dimenticate di scaricare il vostro regalo prima di andare!

Al prossimo post!

Fonti:

www.novalac.it
www.focusjunior.it
www.ilnatale.org

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

2 Commenti

  • Rispondi
    Lovereading_more
    25 Dicembre 2020 at 19:46

    Che belle, non le conoscevo! Anche io non pensavo ce ne fossero così tante legate al cristianesimo

    • Rispondi
      Enrica Masino
      1 Gennaio 2021 at 01:09

      Io sinceramente non sapevo neppure che il cristianesimo avesse delle leggende. Non sono molto pratica su queste cose!

    Lascia un Commento

    © 2020 Da Un Universo All'Altro. Tutti I Diritti Riservati. I contenuti presenti sul blog daununiversoallaltro.it - dei quali è autrice la proprietaria del blog - non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autrice.