Crea sito
0 In Recensione Film Commedia/ Recensione Film Romantico/ Recensioni Film

Basta Che Funzioni – Recensione Film

Recensione Film: Basta Che Funzioni
Regia: Woody Allen
Interpreti: Larry David, Evan Rachel Wood, Patricia Clarkson, Henry Cavill, Ed Begley Jr., Conleth Hill, Michael McKean, Christopher Evan Welch, John Gallagher Jr., Jessica Hecht, Carolyn McCormick, Olek Krupa
Genere: Commedia
Anno: 2009

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Oggi torniamo a parlare di cinema con Basta Che Funzioni, una delle commedie più belle e brillanti di sempre. Una storia che per anni mi ha accompagnata e che con il suo allegro cinismo riesce sempre a rubarmi il cuore.

Boris è un uomo anziano il cui pessimismo ha raggiunto vette inimmaginabili. Un giorno incontra Melody, una ragazza che è scappata di casa e cerca un posto per passare la notte. Riluttante Boris accetta di ospitarla e nonostante lei non brilli per intelligenza – almeno secondo lui – acconsente a sposarla quando lei glielo chiede. I due cominciano quindi una vita insieme e tutto va apparentemente per il meglio fino a quando la madre di lei non decide di cercarla e di cominciare una nuova vita.

Divertente, esilarante, cinicamente perfetto Basta Che Funzioni è un film che parla di rinascita, di consapevolezza di sé e di cambiamento. Questi argomenti vengono affrontati con leggerezza e ironia grazie ad una serie di personaggi d’eccezione. A spiccare è sicuramente Boris, un ex fisico di fama mondiale caduto in disgrazia che ha perso fiducia nelle persone e nella vita. La sua particolarità è quella di avere sempre frasi taglienti per ogni cosa e di essere preda di manie e paranoie assurde che lo rendono divertente ma nello stesso tempo anche molto fragile.

C’è poi Melody, ragazza ribelle e molto ingenua che vede in Boris un genio incompreso e bisognoso d’affetto e scambia per amore quella che è una semplice amicizia. Il loro matrimonio però non sarà negativo, anzi sarà per entrambi un’occasione per maturare una nuova consapevolezza e per ridefinire i sogni che avevano abbandonato. Sotto questo punto di vista Melody diventerà più furba e loquace e troverà la forza di avere una vera storia d’amore con Randy.

Non sono però solo i protagonisti il fulcro della vicenda. Del resto Basta Che Funzioni è un film che si basa interamente sullo sviluppo dei personaggi ed ecco che arrivano Randy, la madre di Melody (e i suoi due fidanzati) e una medium particolarmente bizzarra. Si tratta di una coraggiosa iniezione di anticonformismo! Questo film abbandona completamente il politicamente corretto per mostrarci la storia di una serie di persone che trovano il coraggio di essere sé stesse.

Questo però non deve far pensare che il film possa essere pesante, al contrario. La pesantezza è stata abolita per lasciare posto alle battute geniali e alle situazioni assurde. L’intento della vicenda è proprio quello di divertire lo spettatore. Non si ha sempre bisogno di tragedie per riflettere e Basta Che Funzioni lo dimostra ampiamente. Quello che è veramente importante è saper coinvolgere lo spettatore e farlo empatizzare con i protagonisti. Ed ecco che chi guarda si ritrova catapultato nelle bizzarre vite intrecciate di questi personaggi e a stare dalla loro parte anche quando faranno delle cose solitamente considereremmo fuori luogo.

C’è poi da dire che un’altro obiettivo del film è proprio quello di far maturare i personaggi e di allontanarli dalle loro idee più estreme. Per questa ardua missione è fondamentale Boris, il re degli scettici! E’ lui a guidare la vicenda e a segnare un cambiamento nella vita di tutti, che gli piaccia o no. Disilluso dalla vita ritroverà finalmente la voglia di sognare e di vivere una relazione come si deve.

Il tocco di classe però è sicuramente il fatto che Boris abbatta la quarta parete. In moltissimi momenti il nostro pessimista patentato guarda dritto in macchina e ci dice la sua senza mezzi termini. E’ l’unico personaggio che si accorge della nostra presenza e non sembra farsi il problema. Non si chiede perché siamo lì ad osservarlo, è semplicemente contento di potersi sfogare con qualcuno.

In tutto questo ritorna ovviamente anche il tema dell’amore, che come sapete non manca mai nei film di Woody Allen. In questo caso ci troviamo davanti ad ogni forma d’amore possibile, qui presentati senza troppi fronzoli. Se c’è una cosa che colpisce infatti è il fatto che questo film non si faccia nessun problema a dire quello che pensa. E anche se i temi sono scottanti e fuori dagli schemi non si può fare a meno di apprezare l’audacia di questa storia.

In sostanza un film bellissimo che mi sento di consigliare a chiunque non abbia paura di rivedere il proprio punto di vista. Una storia allegra e divertente che lascia tanta serenità e speranza grazie al finale più bello di sempre. Detto in parole povere: non perdetevelo!

Ok, la recensione è finita e io sono curiosissima di sapere cosa ne pensate voi! Conoscevate questo film? Lo vedrete? Fatemelo sapere nei commenti! Come sempre vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole.

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento

© 2020 - 2021 Da Un Universo All'Altro. Tutti I Diritti Riservati. I contenuti presenti sul blog daununiversoallaltro.it - dei quali è autrice la proprietaria del blog - non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autrice.