0 In recensione romanzo/ Recensioni Libri

Marta Senza Collare – Recensione Libro

Recensione Libro: Marta Senza Collare
Autrice: Silvana Peinetti
Genere: Sentimentale (?)
Anno: 2013

[…] Ogni vecchiaia è il riassunto di una vita e a nessuna vita, anche la più banale, si può guardare con noncuranza. Se solo osassi, fermerei la gente per strada con la preghiera di raccontarmi la loro storia. Le esistenze sono come le impronte digitali: non ce n’è una uguale all’altra e questa unicità mi affascina. A volte, sai, rimango letteralmente a bocca aperta nello scoprire come, in situazioni simili, tanto le reazioni come le strategie nel trovare soluzioni, possano essere differenti all’inverosimile. Mi piace farmi prendere in contropiede da tutte queste innumerevoli modalità alternative: è come se la linea dell’orizzonte si ampliasse fugando il concetto stesso di limite.”

Silvana Peinetti – Marta Senza Collare

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Oggi nuova recensione di un libro che ho preso in prestito in biblioteca e che sicuramente aggiungerò alla mia libreria appena possibile: Marta Senza Collare. Un libricino brevissimo che mi ha fatto versare parecchie lacrime e che ho scoperto essere il primo di una trilogia d tre storie dedicate al perdono, alla libertà e all’amore. Marta Senza Collare è quello dedicato al perdono.

Marta e la narratrice sono due sorelle che hanno superato la mezza età. Durante una giornata trascorsa insieme, tra una chiacchiera e l’altra, sbucano fuori ricordi, rancori e argomenti di vita quotidiana e non su cui queste due donne meravigliosamente diverse di confronteranno.

Decisamente sentimentale Marta Senza Collare è uno di quei libri che avrebbe meritato più risonanza e che non avrei mai scovato se non fosse stato messo in bella vista su uno scaffale della biblioteca. Si tratta di una storia brevissima (circa un’ottantina di pagine) ma di un’intensità incredibile, tanto che più volte ho dovuto sospendere per qualche minuto la lettura per assimilare e metabolizzare ciò che avevo letto.

[…] I ricordi hanno un modo tutto loro di venire a galla e cacciarli via non serve. Bisogna guardarli affiorare, risentire il bisbiglio di certe voci, il vorticare di emozioni che si credevano spente, l’intensità struggente di sentimenti ormai lontani e stare fermi. Fermi come quando si è al cinema, sprofondati in poltrona a guardare le vite altrui, cercando di afferrare alcuni perché e di azzardare delle risposte.

Marta Senza Collare – Silvana Peinetti

Lo stile è semplice, scorrevole e talvolta un po’ “parlato”, caratteristiche che ben si adattano ad un libro che racconta una parte di vita di due persone normali. Il libro si legge, letteralmente, in una serata e per un bel po’ è molto difficile smettere di pensarci.

La sensazione che ho provato per tutto il libro, quella commozione profonda che provo spesso quando leggo storie così verosimili da poter essere vere, non mi ha ancora abbandonata.

Probabilmente è perché all’interno di questo libro si ritrovano riflessioni che riguardano la vita di tutti noi: la famiglia, le amicizie, le scelte di vita, gli amori, gli errori. In meno di ottanta pagine c’è tutto questo e molto di più, raccontato in modo molto veritiero.

[…] Con le spalle appoggiate allo stipite della porta, me ne sto ferma a ripescare nel silenzio voci antiche e desueti stati d’animo. Amo questa casa. Nonostante tutto. Sì, da fessa sentimentale, continuo ad amarla, profondamente. Fra tutte le case in cui il mio cuore ha messo radici è anche l’unica che è rimasta pressoché intatta. Delle altre, di tutte le altre tra- sformate, smantellate, vendute rimangono vastissimi spazi di memoria in cui i mobili, gli oggetti, le tende, i tappeti sono fissi nella loro statica permanenza – di certe librerie ricordo ancora la collocazione dei volumi – ognuno con la sua piccola storia, la sua intima capacità evocatrice.

Marta Senza Collare – Silvana Peinetti

Aggiungono un tocco di classe le descrizioni dedicate alla val Susa, luogo dove è ambientata la storia, e che ho visitato in piccola parte restandone affascinata. Prima o poi andrò anche io a fare un giro in quei luoghi.

In sostanza il libro è entrato subito nella lista dei miei preferiti. L’unico appunto che mi sento di fare è la presenza di alcuni errori di battitura e punteggiatura nelle prime pagine. Non lasciatevi intimidire, però, perché nelle pagine successive non ci sarà alcun problema e nel complesso queste piccole sviste non rovinano assolutamente la lettura.

Bene, anche questa recensione è finita e io sono curiosissima di sapere cosa ne pensate voi! Avete letto Marta Senza Collare? Lo leggerete? Fatemelo sapere nei commenti! Come sempre vi ringrazio per il tempo dedicato alle mie parole!

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto lascia un commento (ci tengo, lo ammetto) e condividilo! Sono piccoli gesti che possono può aiutarmi molto!

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments