Crea sito
0 In Recensioni Film/ Recensioni Film Muti

Il Ladro Di Bagdad – Recensione Film

Recensione Film: IL Ladro Di Bagdad
Regia: Raoul Walsh
Interpreti: Douglas Fairbanks
Genere: Fantastico/Avventura 
Anno: 1924

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Eccomi tornata con una nuova recensione! Questa volta parliamo di cinema muto, un’argomento che fino ad ora non avevo ancora affrontato. Ho sempre trovato che i film dell’epoca del muto avessero un fascino particolare dato dalla recitazione teatrale e dal fatto che in quel periodo il cinema stesse sperimentando molto sia da un punto di vista narrativo che tecnico. Il ladro di Bagdad fa parte di quella categoria di film che va ad esplorare nuovi modi di rappresentare trame complesse.

La nostra storia comincia a Bagdad con Ahmed, un ladro che non perde occasione per rubare i soldi a qualche riccone di passaggio. Un giorno si intrufola nel palazzo del Re dove si imbatte nella giovane principessa. Uscito dal palazzo non riesce a dimenticare la donna ed è pronto a tutto pur rivederla. Intenzionato, in un primo momento, a rapirla non ne ha il coraggio e si presenta come pretendente per avere la sua mano. La principessa lo sceglie come suo sposo ma Ahmed si sente in colpa per averle mentito sulla sua identità e le rivela tutta la verità. Scampato alla morte, pensa ormai di aver perduto ogni speranza ma questa serie di eventi sono solo l’inizio di una grande avventura che lo porterà a alla ricerca del tesoro più raro che esista.

Ispirato ad un racconto delle mille e una notte questo film è una meravigliosa fiaba composta da personaggi caratterizzati in modo accurato. Le avventure del protagonista, infatti, non sono soltanto legate all’amore per la principessa ma hanno a che fare con la sua personalità e con ciò che l’amore rappresenta per lui. Nonostante sia un ladro Ahmed è il tipo di persona che non giocherebbe mai con i sentimenti altrui. Non per niente ama a tal punto la principessa che preferisce rinunciare a lei piuttosto che ingannarla. In questo modo proprio la principessa diventa la motivazione per cui il nostro protagonista scopre sé stesso. Questo perché, se Ahmed non è principe di sangue, è sicuramente principe nell’animo. Il suo coraggio, la sua onestà ne fanno un personaggio ideale eppure umano poiché capace di riconsiderare i suoi comportamenti.

In tutto questo la principessa è sicuramente la sua ispiratrice ma non si limita solo a questo ruolo. Dolce ma determinata, è scaltra e quando è costretta a scegliere uno sposo tra tre Re che non ama, riesce con un astuto piano a prendere tempo. La giovane donna è quindi un personaggio risoluto e non è disposta ad arrendersi davanti ad un futuro che la renderà infelice. Un’altra caratteristica di questo personaggio è sicuramente la perspicacia. Attraverso ragionamenti raffinati, riesce a uscire da situazioni complicate, come dimostra quando spiazza i tre pretendenti.

Un altro elemento indispensabile de Il Ladro Di Bagdad è sicuramente il villain, perché un eroe per dimostrare il proprio valore deve avere un destino avverso, un nemico temibile e credibile oppure entrambe le cose. Il nostro antagonista è uno dei tre pretendenti che spera di ottenere le ricchezze della città di Bagdad. Tuttavia, consapevole del fatto che il matrimonio non sia una cosa scontata, è pronto ad invadere la città in caso non riesca ad ottenere la mano della fanciulla. Da bravo calcolatore quale, però, si guarderà bene dal giocare questa carta, che rappresenta per lui l’asso nella manica ma anche l’ultima possibilità di conquistare la città.

Avventuroso, romantico, ricco di fantasia questo film è realizzato in modo straordinario, con scenari, costumi ed effetti speciali che, per l’epoca, erano decisamente all’avanguardia. La recitazione teatrale e i pochissimi dialoghi scritti non pregiudicano la comprensione della storia e aggiungono quel tocco di fascino che esalta i sentimenti e le emozioni dei protagonisti rendendo il tutto ancora più coinvolgente.

Un film che è passato ingiustamente in secondo piano nonostante il grande lavoro che si cela dietro la sua realizzazione. Una pellicola che è in grado di regalare grandi emozioni e che rimane nel cuore dello spettatore.

Ok, io ho espresso la mia opinione, ora aspetto di conoscere i vostri pensieri in merito! Vi ho incuriosito? Vedrete Il Ladro Di Bagdad? Spero di sì! Mentre attendo le vostre risposte vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole.

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento

© 2020 - 2021 Da Un Universo All'Altro. Tutti I Diritti Riservati. I contenuti presenti sul blog daununiversoallaltro.it - dei quali è autrice la proprietaria del blog - non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autrice.