Crea sito
0 In Recensione Film Drammatico/ Recensione Film Western/ Recensioni Film

L’Uomo Che Uccise Liberty Valance – Recensione

Recensione Film: L’Uomo Che Uccise Liberty Valance
Regia: John Ford
Interpreti: James Stewart, John Wayne, Vera Miles, Lee Marvin, Edmond O’Brien, Andy Devine, Woody Strode, Ken Murray, John Carradine, Jeanette Nolan, John Qualen, Carleton Young, Strother Martin, Lee Van Cleef
Genere: Western
Anno: 1962

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di Web!

La recensione di oggi è dedicata a L’Uomo Che Uccise Liberty Valance uno dei più bei film western della storia del cinema. Una pellicola entusiasmante, un racconto di vite che si intrecciano con altre vite cambiando le sorti di un paese dimenticato e di due uomini in particolare. Una storia tragica, fatta di amore vero, di sacrificio, ma anche di amicizia, stima e rivalità che condanna i protagonisti ad un’esistenza infelice.

La nostra avventura comincia con Ransom Stoddard, anziano senatore che torna con la moglie Hallie nella cittadina di Shibbone. Il motivo del suo ritorno è la morte di Tom Doniphon. Il senatore Stoddard vorrebbe poter stare con i pochi amici rimasti, ma un gruppo di giornalisti è al corrente del suo arrivo. Inizialmente riluttante, il nostro protagonista decide di spiegare il motivo del suo viaggio, raccontando così la sua storia e quella di Tom.

Circa venticinque anni prima Ransom era arrivato nella città da giovane avvocato. Derubato dal bandito Liberty Valance, era stato salvato proprio da Tom, che lo aveva portato a casa della “famiglia” di Hallie. Una volta guarito aveva deciso di restare nella cittadina e di aiutare Hallie nella taverna per poter ricambiare la sua gentilezza e quella della sua famiglia. 

Scoprendo che i cittadini erano quasi tutti privi di istruzione aveva deciso di aprire una scuola per bambini e adulti. Quest’idea aveva avuto successo ed erano stati in molti ad aderire all’iniziativa. Nel frattempo però Tom, innamorato perso di Hallie, si era accorto che la sua amata preferiva la compagnia di Ramson e tra il rapporto tra i due era diventato teso. Intanto, a Shibbone, continuavano le scorrerie e le malefatte di Liberty Valance e della sua banda, che non esitavano a seminare il caos ogni volta che ne avevano voglia. La situazione cambiò quando il giovane avvocato riuscì ad inimicarsi proprio bandito, che decise di sfidarlo a duello. Ramson accettò pur sapendo di essere destinato ad avere la peggio. Tuttavia, qualcuno si mise tra i due duellanti, cambiando le sorti della vicenda.

Un racconto appassionante, sorprendente, a volte divertente, a volte drammatico. Una storia splendida che affronta temi importanti grazie ai protagonisti legati da un rapporto di stima e, nello stesso tempo, di rivalità. Ramson, infatti, è un uomo ricco che più che puntare al successo personale vuole migliorare la vita delle persone.

Tom, dal canto suo, nota le qualità del giovane avvocato. Nonostante sia un uomo consapevole delle leggi del West ammira Ramson. Proprio per questo motivo non ha alcuna ostilità verso di lui, pur accorgendosi che per il giovane sarà dura cavarsela nel selvaggio West. Il vero dramma comincia quando Hellie si dimostra attratta da Ramson e nonostante Tom cerchi di non mostrare i suoi sentimenti questa consapevolezza lo getta in una profonda tristezza. Tuttavia i sentimenti verso Hellie non cambiano e questo profondo amore lo spingerà a compiere il gesto che segnerà il cambio di passo per tutti quanti.

Per affrontare importanti temi, però, L’Uomo Che Uccise Liberty Valance non fa riferimento soltanto ai protagonisti ma anche al bandito Liberty Valance e a una serie bizzarri personaggi che popolano la cittadina. E’ infatti proprio Liberty Valance a comandare nella piccola Shibbone. Tutti i suoi abitanti vivono nel terrore e nemmeno lo sceriffo riesce ad essere abbastanza coraggioso da arrestarlo. Questo perché la legge a Shibbone non conta assolutamente nulla e il bandito diventa colui che può dettare le regole tanto da intimidire persino il giornale Shibbone Star nel tentativo di eliminare la libertà di stampa.

Il direttore del giornale è uno dei pochi che non si lascia spaventare e continua imperterrito a raccontare le cattiverie del bandito. Tuttavia, se il giornale fuori dalla città riscuote successo, all’interno della cittadina non riesce ad affermarsi perché quasi nessuno sa leggere. Si crea, quindi, un circolo vizioso tale per cui l’analfabetismo rende Shibbone ostaggio di Valance e relega il piccolo paese ai margini della società. Ransom è convinto che solo l’istruzione possa salvare la cittadina dal suo stato di sottomissione ed emarginazione e la sua convinzione si dimostra vincente anche se contro Liberty Valance sarà costretto a aderire alle leggi del West.

Una storia davvero appassionante, che affronta temi importanti amalgamandoli in modo perfetto con la storia evitando di renderli pesanti e facendo passare il messaggio. Una vicenda commovente, tragica il cui finale lascia un giustificato senso di amaro in bocca.

Ok, io ho espresso la mia opinione su L’Uomo Che Uccise Liberty Valance, ora sono super curiosa di sapere la vostra! Mentre attendo le vostre osservazioni ne approfitto per ringraziarvi del tempo che avete dedicato alle mie parole.

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento

© 2020 - 2021 Da Un Universo All'Altro. Tutti I Diritti Riservati. I contenuti presenti sul blog daununiversoallaltro.it - dei quali è autrice la proprietaria del blog - non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autrice.