Crea sito
2 In Festività

Film Per Il Giorno Della Memoria (Particolari)

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Come sapete oggi è il 27 Gennaio, il giorno dedicato al ricordo delle vittime della seconda guerra mondiale. Il cinema, nel corso degli anni, ha parlato moltissimo di questa oscura parte della storia dell’umanità e nella vasta quantità di pellicole molte sono state dimenticate. Oggi quindi vi presento sei film dedicati alla seconda guerra mondiale che probabilmente non conoscete. Sono una serie di pellicole che sono state particolarmente importanti per me e che mi hanno aiutata a comprendere e a non dimenticare le atrocità accadute. Una serie di film alternativi e vintage per il giorno della memoria.

1: Vogliamo Vivere!

Un gruppo di artisti polacchi sta per mettere su uno spettacolo contro il nazismo quando la Polonia viene invasa. Costretti a ritirare la piece, continuano la loro carriera come mettendo in scena l’Amleto. Tuttavia per un puro caso scoprono che tra loro si nasconde una talpa nazista e decidono di mettersi all’opera per trovarla e metterla alle strette. Strutturata come una commedia, Vogliamo Vivere è un film satirico contro il nazismo prodotto nel periodo in cui questo era nel momento di massima espansione. La storia prende fin da subito e mette in risalto la cattiveria e l’assurdità del nazismo stesso.

2: Stalagad 17

Lo stalagad 17 è un campo di prigionia tedesco. Tra i prigionieri però c’è una spia nazista, incaricata di riferire tutti i movimenti dei prigionieri. Sefton, un americano strafottente, è accusato fin da subito di essere l’infiltrato ma la realtà è ben diversa e i prigionieri dovranno scoprirla per salvarsi la vita. Stalagad 17 è uno dei film più riusciti dell’epoca classica di Hollywood, nonché uno dei primi che non ha tentato di romanzare la situazione. Prodotto anni dopo la fine della guerra si prospetta come un modo per ricordare ma anche come un inno alla speranza.

3: I Migliori Anni Della Nostra Vita

Alla fine della seconda guerra mondiale Al, Fred e Homer si conoscono a bordo dell’aereo che li sta riportando a casa. Tutti segnati da traumi indicibili cercheranno di ricostruire la loro vita ma dimenticare le atrocità che hanno vissuto è impossibile. Il film con delicatezza mette in risalto gli strascichi psicologici e fisici lasciati dal nazismo e l’impossibilità di poter riprendere la propria vita ‘di prima’ come se niente fosse. Tuttavia è anche una storia ricca di speranza perché dimenticare è impossibile -così come tornare ad essere le persone di sempre – ma si può comunque tentare di ricominciare.

4: Kapò

Edith è una giovane ragazza che si ritrova catapultata in un campo di sterminio nazista. Si salva facendosi passare per un’altra persona e dopo un periodo di tempo ad Auschwitz viene trasferita in un campo di prigionia in Polonia. Qui, per poter sopravvivere, diventerà una spietata Kapo’, una guardiana dei prigionieri odiata e senza scrupoli. Con l’arrivo al campo di Sasha, però, la giovane cercherà di aiutare i prigionieri a fuggire. Una storia crudele e tragica come poche che spezza il cuore e fa riflettere.

5: Odissea Tragica

Subito dopo la fine della seconda guerra mondiale le truppe alleate hanno occupato la Germania e la signora Murray e altre persone si adoperano per salvare i bambini orfani. Tra loro c’è Karrel, un bambino sopravvissuto ai campi di sterminio che non si fa avvicinare da nessuno. Spaventato dall’arrivo di adulti in uniforme Raul fugge con il suo amico Raoul, cercando di attraversare il fiume. Raoul annega, mentre Karrel riesce a nascondersi e in seguito ad allontanarsi. Girovagando senza meta incontra Steve, un soldato che riuscirà a guadagnarsi la sua fiducia e con il quale vivrà fino al ricongiungimento con la madre. Si tratta di uno dei tanti film che vennero girati sugli orfani di guerra subito dopo la caduta del nazismo.

6: Casablanca

Durante la seconda guerra mondiale Rick gestisce un locale a Casablanca. Una sera rincontra per caso il grande amore della sua vita, Ilsa, adesso sposata Victor, un leader della resistenza fuggito da un campo di concentramento e ricercato dalla Gestapo. Rick cerca di riavvicinarsi ad Ilsa e si ritorva suo malgrado ad aiutare i due sposi a fuggire da Casablanca, ormai caduta in mano ai nazisti. Nonostante Casablanca venga ricordato come un film d’amore, nella realtà è anche un film di guerra che racconta la fuga e i pericoli che Ilsa e Victor dovranno affrontare per fuggire da Casablanca e poter proseguire la loro resistenza contro l’invasione nazista.

7: Il Grande Dittatore

Un barbiere ebreo con un atto eroico salva la vita all’ufficiale Schultz perdendo però la propria memoria. Dopo anni fa ritorno al suo negozio e reincontra Schultz che lo riconosce e decide di proteggerlo dai nazisti. Tuttavia una lunga serie di eventi porta il barbiere ad essere scambiato per Hitler e a prendere il suo posto durante un discorso che è rimasto impresso nella storia del cinema. Primo film sonoro di Charles Chaplin, la pellicola è una critica profonda al nazismo e alla guerra. Il più importante film di questa lista.

Film Per Il Giorno Della Memoria: Il Cinema Degli Anni 40/50

Ebbene si, questi film sono stati tutti girati durante la guerra o subito dopo la sua fine e di conseguenza potrebbero sembrarvi molto diversi da quelli di adesso. Sicuramente sono meno crudi, più romanzati ma penso che siano interessanti proprio per questo motivo. La seconda guerra mondiale è stata oggettivamente uno shock per tutti ed è interessante vedere come il cinema, pur non avendola metabolizzata completamente, abbia comunque cercato di raccontarla. Certo, la narrazione è molto diversa, non lo nascondo. Troviamo all’interno storie d’amore struggenti e raramente ci si concentra sulla violenza vera e propria. Tuttavia credo che esorcizzare la guerra, renderla meno tremenda, sia stato il modo che il cinema ha utilizzato per raccontare e nello stesso tempo accettare il fatto che sí, quelle cose stavano accadendo – o erano accadute – e l’arte non poteva fare finta di niente!

Personalmente credo che sia proprio questo il motivo per cui questi film dimenticati siano così importanti per il giorno della memoria: sono le prime testimonianze di ciò che stava accadendo, un primo tentativo di andare contro la guerra, di sensibilizzare le nazioni. L’unica eccezione in questo caso è Kapò, uscito nel 1960 quando la ferita era già passato qualche anno e si stava trovando il coraggio di raccontare veramente certe scomode verità.

Bene, il post è finito e io mi auguro di avervi fornito qualche film per il giorno della memoria un po’ diverso dal solito. Sono una serie di testimonianze di quegli anni su quegli anni e anche se sono stati un po’ dimenticati vale davvero la pena vederli tutti. Fatemi sapere come celebrate il giorno della memoria e quali sono secondo voi i film migliori sull’argomento. Come sempre vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole.

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

2 Commenti

  • Rispondi
    Zosma
    27 Gennaio 2021 at 21:45

    Io faccio fatica a leggere e guardare film su questo tema perché mi sento fisicamente male. Quando ne parlavamo all’ora di storia dovevo uscire dall’aula

    • Rispondi
      Enrica Masino
      13 Febbraio 2021 at 23:21

      Anche io ho molta difficoltà ad approcciarmi a questo tema ma questi film sanno davvero trattare l’argomento con la delicatezza di chi lo ha vissuto. Sono molto meno spiazzanti dei film contemporanei ma insegnano lo stesso tantissimo. Potrebbero essere un buon inizio, qualcosa che non sia traumatizzante ma che nello stesso tempo indaga bene le tematiche.

    Lascia un Commento

    © 2020 - 2021 Da Un Universo All'Altro. Tutti I Diritti Riservati. I contenuti presenti sul blog daununiversoallaltro.it - dei quali è autrice la proprietaria del blog - non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autrice.