0 In Recensione Film Drammatico/ Recensioni Film/ Senza categoria

Dream House – Recensione Film

Recensione Film: Dream House
Regia: Jim Sheridan
Interpreti: Daniel Craig, Rachel Weisz, Naomi Watts, Marton Csokas, Claire Geare, Taylor Geare, Rachel Fox, Mark Wilson, Jonathan Potts, Lynne Griffin, Elias Koteas, Gregory Smith, Chris Owens, Jane Alexander, Sarah Gadon
Genere: Drammatico
Anno: 2011

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Oggi torniamo a parlare di film sul sovrannaturale con Dream House, un thriller psicologico (?) che ho adorato. Si tratta nuovamente di quei film sul paranormale che amo perché non si limitano al semplice horror ma creano storie splendide, dolci e spesso drammatiche.

Will è un editor di libri che ha deciso di dedicarsi alla scrittura. Abbandonato il suo lavoro per dedicarsi alla sua vera passione finalmente può cominciare un nuovo capitolo della sua vita insieme alla moglie Libbie e alle due figlie in una nuova casa. Tuttavia nella villetta cominciano ad accadere cose strane, un uomo incappucciato si aggira nel giardino ma nessuno sembra preoccuparsene nonostante le denunce. Will decide quindi di lasciar perdere la polizia e di indagare da solo. Facendo delle ricerche scopre che in quella casa – qualche anno prima – è avvenuto un tremendo omicidio. A questo punto Will si convince che l’assassino, rilasciato da poco, sia tornato e voglia far del male alla sua famiglia.

Dream House è uno di quei film che non si dimenticano più. La storia intricata e apparentemente indistricabile è un vero capolavoro, una sequenza di eventi che prende risvolti inimmaginabili. Se è vero, infatti, che fin dall’inizio ci sono degli indizi è anche vero che molti di questi sono distorti e portano fuori strada lo spettatore e il protagonista. Il film si configura quindi come la ricerca di una verità perduta, dimenticata e di cui nessuno osa parlare. Il cuore della vicenda è data dai pezzi di un immenso puzzle che piano piano va a posto e rivela la tragedia di un intenzione folle.

Il piano sovrannaturale in questo caso è ben nascosto. Non ci sono fantasmi spaventosi, apparizioni all’improvviso o cose del genere. Se vogliamo l’impostazione è più simile a quella de Il Ritratto Di Jenny: più che inquietante infatti Dream House si presenta come una storia misteriosamente magica dove il protagonista indiscusso è l’amore che supera il tempo, lo spazio e i mondi. In un certo senso appare come una favola tragica, una leggenda che si lega alla realtà ma intorno alla quale – alla fine – tornerà l’alone di mistero. Ed è giusto così perché nessuno capirebbe.

La cosa che più stupisce – però – è che nonostante la storia intricatissima il film non lasci nulla al caso. Niente buchi di trama, niente questioni irrisolte, niente personaggi inutili. Tutto ha una funzione e funziona! Dalle inquadrature alla recitazione, dalle atmosfere alle immagini oniriche che ogni tanto si palesano. Non era facile rendere al meglio una storia del genere e sappiamo che in generale non è semplice fare un film che – sostanzialmente – non abbia difetti eppure Dream House è perfetto, un thriller psicologico che riprende gli elementi tipici ma nello stesso tempo li rielabora.

Anche nell’ambito sovrannaturale quindi sceglie di restare atipico (per il cinema moderno). Non punta sull’inquietudine che fa coprire gli occhi allo spettatore ma sul mistero che lo tiene incollato allo schermo. Legando sempre di più la dimensione paranormale a quella reale mantiene quindi la storia su un piano concreto. Dream House è strutturato come una leggenda ma non lo è. Gli avvenimenti che hanno creato questa situazione sono reali, il pericolo è vero e più vicino che mai. Perché non è ancora finita e qualcuno non vuole che si scopra quello che è accaduto veramente.

Per concludere non posso che consigliare la visione di questo film. Dram House è una storia che lascia tanto, che emoziona profondamente e rimane impressa nella mente di chi guarda. Come dicevo è uno dei miei ‘generi’ paranormali preferiti, il sovrannaturale che rimane fedele alla realtà che racconta e che non vuole spaventare ma solo emozionare e forse dare anche un po’ di speranza.

Bene, anche questa recensione è finita e io sono curiosissima di sapere cosa ne pensate voi! Avete visto Drem House? Lo vedrete? Fatemelo sapere nei commenti! Come sempre vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole.

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento

© 2020 - 2021 Da Un Universo All'Altro. Tutti I Diritti Riservati. I contenuti presenti sul blog daununiversoallaltro.it - dei quali è autrice la proprietaria del blog - non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autrice.