0 In Natale/ Recensione Film Biografico/ Recensione Film Drammatico/ Recensioni Film

Dickens – L’Uomo Che Inventò Il Natale

Recensione Film: Dickens – L’Uomo Che Inventò Il Natale
Regia: Bahrat Nalluri
Interpreti: Dan Stevens, Christopher Plummer, Jonathan Pryce, Simon Callow, Donald Sumpter, Miriam Margolyes, Morfydd Clark, Justin Edwards, Anna Murphy, Ian McNeice, Bill Paterson, Miles Jupp, Ger Ryan, Jasper Hughes-Cotter, Ely Solan, Aleah Lennon, Annette Badland, John Henshaw, David McSavage, Cameron Simpson
Genere: biografico, Commedia, Drammatico
Anno: 2017

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Oggi è con grandissima emozione che vi parlo di Dickens – L’Uomo Che Inventò Il Natale che avevo decisamente sottovalutato. Era già da un po’ infatti che avevo il DVD ma per qualche ragione non l’avevo mai guardato, neppure a Natale! L’altra sera invece mi sono detta che era arrivato il suo momento e sono rimasta veramente sorpresa! Uno dei film “di Natale” più belli che abbia visto.

Charles Dickens è già uno scrittore affermato ma l’ispirazione è venuta meno e così ha scritto ben tre fiaschi di seguito. La casa editrice, per questo motivo, è pressante e il nostro protagonista è disperato perché sommerso dai debiti. Quando finalmente decide di scrivere Canto Di Natale la casa editrice è abbastanza propensa ma mancano solo sei settimane alla festività ed è impossibile per loro produrre un libro, pubblicizzarlo, illustrarlo e mandarlo in libreria in quel poco tempo. Sembra tutto contro Dickens ma lui non si arrende e decide di fare una corsa contro il tempo e di autoprodurre il libro. Saranno le sei settimane più intense della sua vita, quelle in cui verranno alla luce anche vecchi irrisolti e screzi famigliari.

Ci sono moltissimi punti di forza in Dickens – L’Uomo Che Inventò Il Natale e uno di questi è sicuramente il protagonista. Questo giovanissimo Dickens è dinamico, espressivo, profondamente umano. Ha pregi, difetti, e un passato che lo tormenta e che finisce per influenzare negativamente il suo presente. Una cosa di cui però non si accorge e della quale diventerà sempre più consapevole nel corso del film. Scrivere Canto Di Natale sarà per lui un viaggio, un ritorno alle origini e una chiacchierata faccia a faccia con le sue paure più profonde.

Personalmente ho apprezzato moltissimo il modo in cui è stato strutturato il film: Dickens non solo scrive Canto DI Natale, ma lo vive. Attraverso l’ispirazione quotidiana, gli incontri fortuiti lo costruisce pezzo per pezzo fino a quando non arriva vedere veramente i personaggi e ad interagire con loro. Tutti questi personaggi infatti rappresentano una delle sfaccettature del suo carattere e Scrodge sarà il lato di se con il quale dovrà fare i conti.

La rappresentazione sullo schermo di Canto Di Natale è eccelsa anche essendo inserita in un contesto più ampio e finisce spesso per incontrarsi con la realtà e con le persone che circondano Dickens stesso. Tra queste ultime sono assolutamente indimenticabili Tara, la giovane cameriera amante della lettura e John, il migliore amico del protagonista che lo sostiene sempre e comunque. Saranno loro a leggere la prima stesura del Canto Di Natale e a fare le prime critiche.

Altro punto forte di questo film sono anche le tematiche e in particolare quelle che erano care a Dickens. In questo film ci sono tutte: la povertà e le sue ripercussioni, i debiti, la carità, la bontà ma anche gli irrisolti famigliari e i traumi che tornano dal passato. Dickens teneva molto ai più fragili, era sensibile ai dolori e alle disgrazie altrui e nonostante fosse diventato famoso continua ad essere vicino ei più bisognosi anche a causa del suo passato triste e difficile. Sono tematiche importanti, molto più vicine di quanto pensiamo e in questo film sono rappresentate con grande sensibilità ma nello stesso tempo senza sconti.

A questa serie di punti di forza si aggiunge poi anche un ulteriore pregio: la ricostruzione storica. Gli ambienti sono perfetti, gli abiti anche. Non c’è nulla che sia fuori posto o lasciato al caso e questo rende possibile una completa immersione nella storia e un’immedesimazione veramente incredibile (indovinate un po’ chi si è ritrovato a piangere alle quattro di notte di sabato scorso)!

Insomma, sono veramente felice di aver visto Dickens – L’Uomo Che Inventò Il Natale e sono molto triste perché è un film che è passato in secondo piano e invece merita veramente tanto. E’ una storia amozionante, ricca di umanità che non sarà il solito film di Natale ma proprio per questo è bello. Si tratta di un film innovativo, che si discosta dalle solite storie e cerca di raccontare – in modo rimanzato – una storia vera. E anche di farci capire un bel po’ di cose! Nel complesso quindi per me questo è un ottimo film e spero che gli darete una possibilità durante le feste!

Bene, anche questo post è finito e io sono felicissima di sapere cosa ne pensate voi! Avete visto Dickens – L’Uomo Che Inventò Il Natale? Lo vedrete? Fatemelo sapere nei commenti! Come sempre vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole!

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento