0 In Blogging/ Internet

Come Sono Cambiati I Blog Nel Corso Degli Anni

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Per il nostro solito appuntamento del Venerdì (che la settimana scorsa abbiamo saltato) torniamo a parlare di blogging. Questa volta però lo facciamo in modo diverso perché questo non sarà un tutorial né un post “guida” ma una semplice riflessione su come sono cambiati i blog nel corso degli anni.

I Blog Degli Inizi: Tra Liste E Diari Virtuali

Non ci crederete ma il primo blog è stato pubblicato nel 1997 e al suo interno conteneva principalmente liste di pagine che era possibile visitare. In quel periodo, infatti, non esistevano i motori di ricerca e avere la possibilità di trovare raggruppati una serie di link facilitava non poco la vita degli utenti. Poi, lo sappiamo, con il tempo i blog si sono evoluti fino a diventare dei veri e propri diari virtuali in cui si potevano raccontare le proprie giornate ma anche parlare delle proprie passioni.

E’ stato tra il 2004 e il 2007 che i blog hanno iniziato a prendere piede, anche grazie all’arrivo di piattaforme come WordPress, Altervista, MySpace, MyBlog e Blogger che hanno facilitato la vita di molti di noi. Di fatto hanno reso il blogging una cosa accessibile quasi a tutti ed ecco che i diari online si sono moltiplicati diventando sempre più ‘interattivi’ grazie alla sezione commenti e ad altre funzionalità.

Del resto stiamo parlando di un periodo in cui i social non erano una realtà così avanzata e quindi i blog erano diventati veri e propri luoghi di aggregazione delle community. In più, sempre verso il 2007, arriva per i blogger la possibilità di guadagnare tramite i banner pubblicitari completando questa prima metamorfosi che rende i blog sempre più vicini a come li conosciamo oggi.

Come Sono Cambiati I Blog Con L’arrivo Dei Social

Come dicevamo dal 2007 in poi i blog erano diventati i principali luoghi di incontro e di nascita delle community. Poi, però, arrivò una nuova rivoluzione del web: i social network. E’ inutile dire che i social hanno fatto subito “concorrenza” ai blog. Erano più facili da utilizzare in quanto non bisognava preoccuparsi più di tanto della parte grafica e strutturale e mettevano a disposizione un sacco di strumenti per la comunicazione immediata della propria vita. Quest’ impostazione nuova e molto fruibile da un maggior numero di persone ha fatto si che i social prendessero sempre più piede fino a quando sono diventati loro i luoghi più adatti per creare community.

La maggior parte dei contenuti personali (come riflessioni, racconti di vita ecc.) si sono gradualmente spostati su social come Facebook e Instagram. I blog quindi hanno perso una grossa parte dei contenuti personali e qui hanno subito la seconda grande trasformazione della loro storia.

I Blog Tra Social E Tematiche Fino Ad Oggi

A questo punto i blog hanno in un certo senso cambiato pelle. Il fatto che ormai la maggior parte dei contenuti personali fosse principalmente materiale per i social non significava che non ci fosse più materiale per i blog. Restavano sempre altri temi, altri argomenti, quelli che noi oggi chiamiamo i “contenuti”. I blog quindi hanno cominciato a diventare più tematici o comunque a concentrarsi su argomenti che avrebbero potuto essere d’aiuto agli altri. “Cosa cercano le persone sui motori di ricerca?” hanno iniziato a chiedersi i blogger. E dopo essersi dati la risposta hanno capito che c’era ancora infinito materiale per i loro blog.

I blog di oggi sono quindi un po’ diversi da quelli degli inizi. I contenuti sono principalmente tematici come recensioni e tutorial ma non dobbiamo pensare che le riflessioni siano sparite: anche loro hanno semplicemente cambiato pelle. Adesso vengono scritte in modo diverso (anche) per motivi di SEO ma ci sono e ci saranno sempre. Il bello del mondo dei blog infatti è proprio questo: ha saputo cambiare e reinventarsi pur restando fedele a sé stesso.

La Leggenda Metropolitana Sulla Fine Dei Blog

Passiamo adesso ad un’altra sfaccettatura della faccenda: la presunta fine dei blog. Da quando i social network hanno preso piede si è diffusa sempre più velocemente l’idea che i blog fossero diventati una cosa superata e che aprirne uno fosse una perdita di tempo. E’ un’idea molto diffusa, così diffusa che persino oggi c’è ancora chi vorrebbe aprire un blog ma esita perché teme che sia una perdita di tempo.

Perché I Social Non Sostituiranno Mai I Blog

Ci sarebbe un intero post da scrivere sull’argomento ma cerchiamo di fare un riassunto. I blog sono il pane dei motori di ricerca: Quando aprite un qualsiasi risultato sui motori di ricerca state aprendo un sito web: che sia un blog, un forum, un giornale online sempre di siti web e blog stiamo parlando. I social infatti, sono un circuito chiuso e i post che vengono inseriti sono esclusivi per quella piattaforma. In poche parole i post dei social non sono indicizzabili sui motori di ricerca e già solo per questo non possono sostituire i contenuti di un blog/sito/forum.

Inoltre ci sono altri fattori che riguardano anche la libertà del blogger stesso. Sui social non si è mai completamente liberi. Si è soggetti al volere di sua maestà l’algoritmo e i contenuti postati hanno vita breve. I post vecchi su un social dopo un certo tempo scompaiono mentre i post del blog continuano ad essere visti anche dopo tantissimi anni.

Inoltre non si può negare i social siano molto limitanti per quanto riguarda i contenuti. Nella maggior parte dei casi non si possono mettere più di un toto di foto, i video non devono essere troppo lunghi, i caratteri sono limitati, di alcuni argomenti non si può parlare… Insomma, non c’è una vera libertà ed ecco perché se è vero che per far conoscere i blog sono indispensabili i social è anche vero che ad una pagina social va sempre affiancato un blog.

Come Sono Cambiati I Blog: La “Terza Rivoluzione”

In un certo senso è come se negli anni ci fosse stata una terza evoluzione che ha coinvolto entrambe le parti. Blog e social non sono più concorrenti, ma due facce della stessa medaglia. Da un lato, infatti, abbiamo i blog che ci permettono di essere presenti sui motori di ricerca e di farci conoscere tramite i nostri scritti, dall’altro ci sono i social che ci permettono di creare più velocemente una community e di farci conoscere come persone e non solo come blogger.

Se vi interessa questa parte ho scritto anche degli altri post sull’argomento:

E ho caricato anche un video su YouTube valido anche per il 2022!

Come Sono Cambiati I Blog Nel Corso Del Tempo: Conclusioni

Nel corso degli anni i blog sono cambiati molto. Si sono evoluti, si sono adattati e sono riusciti a stare al passo con i cambiamenti del web. Nello stesso tempo però sono riusciti a restare fedeli a loro stessi. In un certo senso sono la parte con la storia più lunga di Internet e probabilmente anche quella che nel corso del tempo – nonostante i miglioramenti – ha saputo mantenersi stabile. Certo, oggi non siamo più nel 2004 ed essendo anche molti di più farsi leggere è diventato più complicato ma questo non toglie che dopo anni ed anni i blog continuino a nascere e ad essere aggiornati e noi continuiamo a cercarli e a leggerli.

Bene, anche questo post su come sono cambiati i blog nel corso del tempo è finito e io sono curiosissima di sapere cosa ne pensate voi! Avete aperto un blog? Ne vorreste aprire uno? Raccontatemi tutto nei commenti! Come sempre vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole.

Al prossimo post!

Fonte: consulenzagoodstart.it

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento