0 In Altri Argomenti

Accontentarsi É Giusto? Parliamone!

Salve a tutti e bentornati in questo mio piccolo angolo di web!

Oggi parliamo di un argomento di cui avevo già accennato in un post su Instagram ovvero il tema dell’ accontentarsi. Quante volte nella vita ci si sente dire frasi come “eh, ma bisogna accontentarsi”? E’ una questione che salta fuori ogni volta che qualcuno dice di voler cambiare qualcosa (magari cominciare un progetto considerato ambizioso) o di non essere contento della situazione in cui si trova (un matrimonio infelice, un lavoro non soddisfacente…).

Accontentarsi é giusto? Un Idea (Sbagliata) Di Umiltà

Il motivo per cui molte persone dicono che bisogna accontentarsi è che considerano questo atteggiamento verso la vita come umile, mentre invece credono che avere dei sogni o voler cambiare la propria situazione in meglio sia qualcosa di ambizioso e quindi sbagliato. In realtà accontentarsi costantemente non vuol dire essere umili ma semplicemente avere un atteggiamento passivo verso la vita, subirla senza cercare di migliorarla. Ovviamente ci sono delle cose che dobbiamo accettare e su cui non abbiamo controllo ma ci sono anche delle situazioni che possiamo influenzare: perché non farlo, dunque? Umiltà non è sinonimo di passività.

Cosa Vuol Dire Non Accontentarsi

Non accontentarsi non vuol dire volere sedici ville, un sacco di soldi o altre cose così. Questi sono stereotipi! Non accontentarsi significa semplicemente essere consapevoli che:

  • Si ha il diritto di essere felici (quindi di cambiare o migliorare quegli amibiti che sono fonte di sofferenza)
  • Mettere a frutto le proprie capacità non è un atto di superiorità, non si sta ostentando nulla
  • Le cose non arrivano da sole: accontentarsi non porta da nessuna parte, bisogna muoversi per poter ottenere quello che si vuole (o almeno una parte)
  • “E’ andata così” è una frase che non vale per tutti gli ambiti. Se non si prova nemmeno a raggiungere qualcosa di certo non succederà nulla.
  • Non accontentarsi non significa non essere contenti di ciò che si ha

Non Accontentarsi ≠ Non Essere Contenti Di Ciò Che Si Ha

Mi soffermo su questo punto perché molte persone fanno confusione sull’argomento. Non volersi accontentare non significa non essere in grado di apprezzare ciò che si ha ma semplicemente vuol dire rendersi conto che le situazioni cambiano, che si cresce e che anche le esigenze personali mutano. Una persona che ha preso il diploma e vuole una laurea non è scontenta del suo diploma (anzi, ne è contenta eccome, fa parte del percorso che la porterà ad avere la laurea) vuole qualcosa in più… che c’è di male? Vuole una laurea, non conquistare l’universo.

Nello stesso tempo una persona che non si trova bene all’interno di una situazione qualsiasi (che sia lavorativa, famigliare, sentimentale) e ne vuole uscire non è che ‘non si accontenta di quello che ha’, capisce invece di meritare serenità, che è indispensabile per la propria salute fisica e mentale. Chi non si accontenta non è pretenzioso è consapevole di sé stesso e del fatto che non sempre l’idea socialmente accettata è la migliore.

La Questione Del Rischio

Un altro motivo per cui molti dicono che bisogna accontentarsi è la paura di rischiare. Il tipico modo di fare è quello del “rischio di perdere tutto quello che ho costruito”. Beh, se non agisci stai rischiando comunque: di pentirti di non averci provato, di avere dei rimpianti, di sprecare l’opportunità di essere felice. Nella vita rischiare un minimo è inevitabile quindi tanto vale rischiare per qualcosa che ne valga la pena e che ci faccia stare bene! Si, perché alla fine è questo quello che conta. Abbiamo una vita sola, facciamo quello che amiamo e cerchiamo di trovare un po’ di felicità.

Il Coraggio E Il Giudizio

Non accontentarsi vuol dire rimettere tutto in discussione perché si crede fermamente in qualcosa ed è un atto di coraggio… e il coraggio non viene sempre ben visto. Ci sono infatti persone che tendono a giudicare come spavaldo o irresponsabile chi vuole mettersi in gioco o cambiare qualcosa della propria vita. Del resto il pensiero comune é che non bisogna lasciare qualcosa di certo per l’ignoto, anche se intraprendere una nuova avventura potrebbe renderci felici. Ovviamente un po’ di prudenza non fa mai male ma nello stesso tempo non bisogna cadere nella trappola della campana di vetro: si rischia di rimanere in una situazione che fa stare male.

Di conseguenza non vi curate troppo dei giudizi altrui, andate per la vostra strada e se qualcuno vi dice che state sbagliando ricordatevi sempre che la vostra vita vi appartiene e la gestite come volete! E’ meglio fare un tentativo e fallire piuttosto che avere dei rimpianti!

Accontentarsi (Non) É Giusto – Il Rimpianto

Il motivo per cui non bisognerebbe accontentarsi nel momento in cui si sente che qualcosa non va nella propria vita è proprio il rimpianto. E la cosa peggiore è che rimpiangeremo ciò che NON abbiamo fatto e non viceversa. Se non ci mettiamo in gioco, se non ci proviamo non sapremo mai come sarebbe potuta andare. Bisogna ricordare sempre che a volte nella vita vale la pena rischiare un po’ altrimenti non si arriva mai da nessuna parte!

Bene, anche questo post è finito e io sono curiosissima di sapere cosa ne pensate voi! Siete persone che si accontentano e preferite essere contenti di ciò che avete? Fatemelo sapere nei commenti! Come sempre vi ringrazio per il tempo che avete dedicato alle mie parole!

Al prossimo post!

Se il post ti è piaciuto non dimenticare di condividerlo! È un piccolo gesto che può aiutarmi molto!

Nessun Commento

Lascia un Commento

© 2020 - 2021 Da Un Universo All'Altro. Tutti I Diritti Riservati. I contenuti presenti sul blog daununiversoallaltro.it - dei quali è autrice la proprietaria del blog - non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autrice.